* Paul Claudel

NOTE BIOGRAFICHE

*  *  *

Paul Claudel (1868-1955), scrittore e diplomatico francese, nacque in Villeneuve-sur-Fère. per la gran parte della sua vita costituì parte del corpo diplomatico francese, sebbene sia conosciuto fondamentalmente come uno degli uomini di lettere del secolo XX più famosi e prolifici. Cattolico convinto, Paul Claudel con la sua produzione vastissima, comprese quasi tutti i generi letterari. Poeta, drammaturgo, apologista, si mantenne lontano dai circoli letterari che non suscitarono mai alcun fascino sulla sua persona. Il sentimento religioso pervade e predomina in ogni sua opera, ed è stato l’ispirazione della sua poesia lirica, l’estro della sua produzione letteraria. I suoi volumi di poesia, teatro, prosa religiosa, libri di viaggi e critica letteraria sono tutti espressivi di questa fede ardente nella Chiesa cattolica. Utilizzò con frequenza temi che ponevano in relazione i conflitti spirituali e la salvezza dell’anima. La sua poesia, che probabilmente raggiunge la maggior altezza Cinque grandi odi, scritta nel 1909, era influenzata da quella dei simbolisti, un’influenza che si può osservare anche nel dramma poetico La città (1890). Tra le sue opere una menzione particolare si deve inoltre a L’annunciazione a Maria (1909), La scarpa di raso scritta tra il 1927 e il 1929 e La cantata a tre voci. Claudel scrisse anche l’oratorio drammatico Il libro di Cristoforo Colombo datato 1930 e musicato da Darius Milhaud (1892-1974), compositore francese autore di oltre 400 opere.

Fu eletto membro dell’Accademia Francese nel 1946. Fratello della sfortunata scultrice Camille Claudel: dalla loro corrispondenza sono emerse delle lettere struggenti, che Camille indirizzò al fratello Paul, lettere che rappresentano il testamento commovente delle frustrazioni, disillusioni e crescente disperazione di questa artista apprezzata, come accade spesso, solo dopo la sua morte.

Nel 1952 fu pubblicata anche la corrispondenza che Paul Claudel tenne, tra il 1899 e il 1926, con lo scrittore André Gide, uno tra i letterati più rappresentativi e influenti del secolo XX, reso famoso da quella che considerò sempre la sua unica novella: I falsari di monete.

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *