Sotto la croce

Maria stava sotto la Croce

parlando col Cuore ma senza voce.

Stava la Madre dinanzi al suo Figlio,

di lacrime innaffia il suo unico Giglio.

Anch’io come Lei voglio restare,

senza bisogno di parlare,

con lo sguardo rivolto all’Amor Crocifisso,

mi immergerò in quel grande abisso

del suo Costato trafitto

di cui il profeta aveva già scritto.

Scorron le Acque dalla Porta del Tempio

Che lavan il peccato dal cuore dell’empio,

sorgente di vita che tutto rinnova

disseta dall’arsura chi è nella prova.

Maria come conca raccoglie la Grazia,

il solo cibo che l’anima sazia

e poiché Ella di essa è ricolma

dal suo Cuore questa straborda.

Anch’io starò sotto quel Legno

che del divino Amore fu presto il gran segno

e come Maria colmata d’amore

sarò goccia di Misericordia del Salvatore.

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.