Gli schermi e l’intelligenza del bambino

Michel Desmurget

ha presentato un libro molto duro

sull'uso degli schermi

da parte dei minori

Michel Desmurget, dottore in Neuroscienze presso l’Istituto Nazionale Francese di Salute,  è un forte oppositore dell’uso, e soprattutto dell’abuso, dei dispositivi digitali nei bambini e negli adolescenti. E lo afferma da una posizione che gli consente di conoscere seriamente i pericoli che comportano gli schermi, dal momento che è un medico in Neuroscienze e direttore della ricerca presso l’Istituto Nazionale francese della Salute.

Ha appena presentato in spagnolo il suo libro La fabbrica dei cretini digitali (Penisola), un titolo controverso ma che assicura essere totalmente giustificato da studi e statistiche. In questo modo, in un’intervista al quotidiano El Mundo spiega con forza che “le cifre sono drammatiche”.

“Nei paesi occidentali i bambini sotto i due anni trascorrono quasi tre ore al giorno davanti a uno schermo, tra gli otto e i 12 anni sono quasi cinque ore al giorno, dai 13 ai 18 anni il loro consumo è vicino alle sette ore al giorno …  Se aggiungiamo tutto il tempo che un bambino trascorre tra i due e i 18 anni davanti a uno schermo, equivale a 30 anni scolastici, più di 15 anni di lavoro a tempo pieno, quasi 40.000 episodi di Doctor House. E questo solo se misuriamo l’uso degli schermi per motivi ricreativi e tralasciamo il tempo che li usano a scuola o per fare i compiti “, dice questo esperto francese.

 

La generazione più stupida?

Gli schermi creano cretini e idioti come afferma il titolo? Secondo Desmurget, “è tempo di parlare, perché le persone hanno bisogno di svegliarsi”.

Questo dottore in Neuroscienze afferma che ci sono quelli che minimizzano l’effetto degli schermi quando in realtà hanno un “effetto devastante”. Sottolinea infatti che “l’intelligenza si basa sulla capacità di memorizzare, e tutto questo si vede seriamente influenzato dall’uso dei dispositivi digitali. Gli schermi influenzano tutto ciò che ci rende umani: il linguaggio, la capacità di pensare, di ragionare, di memorizzare… Numerosi studi lo confermano”.

E non solo gli studi. “Sono in contatto – aggiunge – con molti insegnanti, logopedisti e psicologi infantili che non leggono la letteratura scientifica, ma che sono a contatto con i bambini. E la cosa impressionante è che ciò che vedono corrisponde pienamente a ciò che dicono gli studi”.

Fa l’esempio di Mark Bauerlein, professore alla Emory University di Atlanta (USA) che sostiene che questa è la “generazione più stupida che ci sia mai stata”. In questo senso, Desmurget assicura che “gli scienziati concordano sul fatto che il linguaggio, la capacità di attenzione e la memorizzazione si sono ridotti in questa generazione. Oggi c’è l’idea che non devi memorizzare nulla perché tutto è su Internet. E sì, per fare ad esempio un algoritmo puoi andare su Google e cercare come è fatto, il problema è che nella tua testa devi avere tutte le conoscenze precedenti.

 

Un problema di dipendenza

Inoltre, il direttore della ricerca presso l’Istituto Nazionale francese della Salute sostiene che gli schermi non stanno solo creando “cretini” ma anche tossicodipendenti. “Ci sono diversi studi che suggeriscono fortemente che gli schermi possono innescare lo stesso meccanismo cerebrale di altre dipendenze.  La maggior parte delle ricerche a questo proposito indica che sono dipendenti tra il 3% e il 5% degli utenti. Sembra una piccola proporzione, ma solo l’1% in Francia è mezzo milione di persone. Ma anche se non è una dipendenza, è comunque un problema”, dice.

D’altra parte, Desmurget avverte degli effetti degli schermi sul cervello dei minori. “C’è chi dice che bisogna convivere con i tempi moderni. Il problema è che il cervello dei bambini è un vecchio cervello, frutto di molti anni di evoluzione, e non è stato progettato per quella schifezza”, dice davanti a chi giustifica che dobbiamo accettare il progresso tecnologico e basta.

Ma avverte che “un cervello ha dei bisogni, ha bisogno di interazione umana, ha bisogno di dormire, ha bisogno di attività fisica (ora sappiamo che l’attività fisica è importante per far maturare un cervello), ha bisogno di stimoli e molte altre cose. E niente di tutto ciò è fornito dagli schermi. Naturalmente il cervello può adattarsi. Ma solo perché si adatta a una situazione non significa che funzioni meglio di un’altra. Se sali in cima a una montagna di 6.000 metri, ti adatti. Ma non funzionerai bene come a livello del mare. E con il cervello è lo stesso: non funziona così bene nell’ambiente per cui è stato costruito come in un altro ambiente”.

“Sai cos’è Baby Einstein?” chiede questo esperto all’intervistatore. E spiega che “sono video Disney per bambini che sono stati pubblicizzati come educativi. Ma è stato dimostrato che i bambini che li vedevano avevano problemi di linguaggio, che il loro vocabolario era molto ridotto. Un gruppo di genitori ha minacciato di andare in giudizio e, prima che ciò accadesse, la Disney ha deciso di pagare un sacco di soldi e ritirare la parola educativo da quei prodotti. Sono sicuro che gli schermi saranno il prossimo grande problema di salute pubblica. Ma ci sono un sacco di soldi coinvolti”.

“Non vorrei che qualcuno venisse a casa mia e mi dicesse come devo crescere i miei figli. Ma quello che penso sia importante è che i genitori ottengano le informazioni giuste. Un genitore, con i dati in mano, dubito molto che lascerà che suo figlio di 12 anni stia tutto il giorno con l’iPad, e se decide che è disposto ad accettarlo, sono affari suoi. Ma quello che non sopporto è che ci sono genitori che, in buona fede, credono che l’iPad sia ottimo per l’educazione dei propri figli, per la loro capacità di imparare, per la loro intelligenza… Le prove dimostrano che è proprio il contrario, ma lo credono perché sono disinformati, perché ci sono presunti esperti che vanno in giro dicendo che i videogiochi fanno bene al rendimento scolastico e altre sciocchezze di quel tipo che generano solo confusione “, conclude questo esperto in Neuroscienze.

Fonte: www.religionenlibertad.com

Leave Comment

O seu endereço de e-mail não será publicado. Campos obrigatórios são marcados com *